Gio11232017

Last update08:15:58 AM

Back Sei qui: Home NEWS Notiziario RICONSEGNATO IL PONTE SUL TORRENTE JENGA

RICONSEGNATO IL PONTE SUL TORRENTE JENGA

Comunicato Stampa n. 1632 del 13 novembre 2017
 
Il Presidente della Provincia Claudio Ricci ha riconsegnato oggi pomeriggio il nuovo ponte sul torrente Jenga sulla provinciale n. 109 Cautano – Campoli Monte Taburno.
L’opera è a servizio di tutta la Vallata Vitulanese nella direttrice Benevento – Montesarchio ed ora tutti i cittadini, le imprese agricole, commerciali ed industriali Comuni possono finalmente usufruirne.
I lavori per questa infrastruttura, spazzata via dall'alluvione del 15 ottobre 2015, costati circa 1,2 milioni di Euro, sono stati ultimati nei tempi previsti secondo il progetto ed il cronograprogramma curati dalla Provincia. Ricci aveva promesso a febbraio scorso nel corso di un Convegno a Cautano che le opere di ricostruzione sarebbero state ultimate entro questo autunno e così è stato.
A tagliare il nastro, con il Presidente Ricci ed il sindaco di Cautano, Giuseppe Fuggi, erano: il Sottosegretario di Stato Umberto Del Basso De Caro, il Prefetto Paola Galeone, i Comandanti provinciali dell'Arma dei Carabinieri, Col. Alessandro Puel, e della Guardia di Finanza, Col. Mario Intelisano, il consigliere regionale Erasmo Mortaruolo, numerosi Sindaci o i looro rappresentanti del comprensorio interessato, i Consiglieri provinciali Giuseppe Di Cerbo e Renato Lombardi, il Segretario Generale Franco Nardone e i tecnici della Provincia Salvatore Minicozzi, Michelantonio Panarese, Giancarlo Marcarelli, Filippo Iadanza, Carmineantonio De Santis. Moltissimi i cittadini presenti sul nuovo nastro aslfato nonostante il meteo indicasse tempo inclemente per l’ora della riapertura.
Dopo la riapertura al traffico, Autorità e cittadini si sono trasferiti nella Casa Comunale di Cautano, dove il Sindaco aveva promosso un Convegno. Fuggi, nell’aprire i lavori, ha definito quella odierna una giornata molto importante per Cautano e la Vallata Vitulanese perché, ha detto, questi due anni, dopo la tremenda alluvione, sono stati di duro sacrificio per tutti i cittadini. Per assicurare gli spostamenti, ha ricordato Fuggi, è stato necessario dirottare il traffico su una strada alternativa nonostante le evidenti criticità della stessa, che però era l’unica disponibile. Peraltro, ha aggiunto il sindaco, negli ultimi giorni, per consentire gli ultimi lavori in località Asciello sul ponte, è stato necessario chiudere anche questa strada alternativa e scegliere un tracciato … alternativo alla stessa, consistente in una strada interporderale. Fuggi ha quindi voluto ringraziare i concittadini per la pazienza dimostrata ed ha dato atto alla Provincia di aver utilizzato con puntualità e bene i fondi messi a disposizione dal Governo per la ricostruzione.    
Ha preso quindi la parola il Prefetto Galeone, che ha sottolineato il valore della sinergia istituzionale, nelle sue diverse articolazioni ecioé Governo, Protezione Civile, Regione, Provincia e la stessa Prefettura, nella vicenda dell’alluvione, sia subito dopo lo scatenarsi del cataclisma, sia nei mesi successivi con l’afflusso delle risorse finanziarie necessarie agli interventi di ricostruzione. Anche il Prefetto ha voluto sottolineare il buon lavoro della Provincia per la rinascita ella rete stradale danneggiata.
Il Consigliere regionale Mortaruolo ha dal canto suo evidenziato gli interventi già disposti e quelli “in itinere” a cura della Regione per far fronte alle emergenze ed alle criticità scatenate sul territorio dall’alluvione.
Ha preso quindi la parola Ricci: “Quest’opera che si consegna oggi ai cittadini è un successo dello Stato, delle Istituzioni, della Regione e della stessa Provincia. Oggi per una serie di ragioni burocratiche, finanziarie, logistiche è assai difficile realizzare un'opera pubblica e farlo in tempi brevi: in altri Paesi consegnare un lavoro pubblico è piena normalità; in questa nostra Italia, come ci dicono le cronache, purtroppo non lo è. Ebbene io ho l’orgoglio di dire che la Provincia di Benevento ha ricostruito il ponte in tempi brevissimi, senza alcuno strascico davanti alla Magistratura amministrativa, utilizzando le risorse finanziarie che ci erano state assegnate, sfruttando le professionalità dei tecnici dell'Ente e potendo contare su un raggruppamento di Imprese, la F2 e la Ferraro Costruzioni, serie ed impeccabili. Il Sannio ha ottenuto un generoso stanziamento di fondi governativi per riparare i disastri dell'alluvione del 2015. Talvolta si afferma che così non è: ebbene è falso. I fondi della ricostruzione di questo ponte non sono del Bilancio della Provincia; i fondi vengono da Roma e vengono grazie all’iniziativa di un rappresentante del Governo che è amico del Sannio. La Provincia, rispetto a questo affidamento di soldi, ci sta mettendo passione civile, trasparenza, onestà e professionalità per spendere al meglio bene queste risorse nell’interesse della collettività. Per quanto, nello scorso mese di febbraio, percepissi un certo scetticismo, mi spinsi a dire che il ponte sullo Jenga l'avremmo ultimato in sei mesi. Venni qui durante il caldissimo mese di luglio ed in quello ancora più caldo di agosto per seguire i lavori: e devo dare atto che le Imprese lavoravano anche in quei giorni con la massima alacrità. La ricostruzione, del resto, era un impegno dovevo e volevo onorare a favore per il rispetto che devo alle popolazioni locali ed ai loro sacrifici. Nei prossimi giorni la Provincia inaugurerà altre opere pubbliche, dopo il ponte sul torrente Reventa nei pressi di Ponte; tra breve riapriremo quello sul Tammarecchia ed un altro ancora a poca distanza; e cominceranno i lavori sul ponte Ufita nei pressi di Apice. Stiamo dunque dimostrando a tutti che il lavoro della Provincia è utile al territorio del Sannio: quando viene messa in condizione di scendere in campo, cioé quando ottiene i finanziamenti, ebbene i lavori li fa e li fa bene e in poco tempo. Con trasparenza e pulizia: rivendico tutto questo con orgoglio. Sono fiero di quanto stiamo facendo senza personale e senza fondi. Ho il dovere e voglio sottolineare tutto questo. La Provincia viene tacciata di ogni colpa: ebbene io spero che ci venga riconosciuto oggi che abbiamo portato a casa una vittoria. Bisogna dare a Cesare quello che è di Cesare. Ringrazio la popolazione di Cautano e di tutta la Vallata per aver sopportato civilmente i disagi di questi due anni: io oggi sono qui per consegnare a tutti voi quell'opera pubblica che avevate tanto atteso”.
Il Sottosegretario di Stato Del Basso De Caro ha ricordato che il Governo stanziò subito dopo l’alluvione ingenti risorse per la ricostruzione. “Molte Aziende nell’area Asi, però, non hanno ottenuto che una piccola parte del ristoro del danno patito, ma occorre ricordare che nel 2015 non c'era proprio una legge che intervenisse per riparare i guasti dell'alluvione, ma c’erano solo per i terremoti: è stata solo la legge di stabilità del 2016 a stabilire per la prima tale tipo di destinazione di fondi. Peraltro in Italia vi sono stati tempi di risarcimento per i danni dal terremoto che hanno superato anche i 40 anni, mentre qui i fondi sono arrivati subito. La Provincia di Benevento sta lavorando bene; ma ora è attesa a nuove sfide: ha ottenuto dal Governo 46 milioni di Euro per un secondo tronco della Fondo Valle Vitulanese. Si tratta di un'opera di adduzione alla statale Appia, cioé alla viabilità nazionale; quindi partiremo da Foglianise verso il cuore della Vallata: sono già in corso i contatti per il procedimento legge di scelta del costruttore. Peraltro il territorio sannita è interessato da altre imponenti opere pubblica che tra breve partiranno: cioè la Fortorina, il raddoppio della Telesina, l’Alta Velocità ferroviaria”. 

Galleria immagini

 
Sample image  
Sample image

Galleria video

 
alternative test 1
tttt

 

logo youtube