Lun11202017

Last update03:55:24 PM

Back Sei qui: Home NEWS Notiziario COMPLETATA LA RICOGNIZIONE DEI DANNI CAUSATI DALL'ALLUVIONE

COMPLETATA LA RICOGNIZIONE DEI DANNI CAUSATI DALL'ALLUVIONE

Comunicato Stampa n. 462 del 25 ottobre 2015

Un briefing a tutto campo sulla gestione dell’emergenza e sulle misure adottate e da adottare in tempi rapidissimi per la salvaguardia della pubblica e privata incolumità dopo gli eventi calamitosi si è svolto alla Rocca dei Rettori su iniziativa del Presidente della Provincia Claudio Ricci.


Assai forte la partecipazione ai lavori che avevano un carattere esclusivamente tecnico, volto a chiarire dubbi e problemi interpretativi da parte dei Sindaci circa la gestione di questa fase complessa degli interventi immediati a tutela della pubblica e privata incolumità.

Erano presenti in Aula 61 Sindaci, quattro consiglieri regionali (tre provenienti da altre realtà territoriali: Tommaso Amabile, Loredana Raia, Mario Casillo;  l’altro eletto nel Sannio: Erasmo Mortaruolo), i consiglieri provinciali Palmieri, Lombardi, Molinaro, Ruggiero, Picucci, il Capo del Genio Civile di Benevento Trivia, il Presidente dell’Alto Calore De Stefano, moltissimi tecnici, tra i quali quelli del Settore Infrastrutture della Provincia. Ha chiuso i lavori il Sottosegretario alle Infrastrutture Umberto Del Basso De Caro.

La riunione era stata concordata dal Presidente Ricci in occasione dei suoi incontri in Prefettura con il Prefetto Galeone, il Governatore De Luca, lo stesso Sottosegretario Del Basso De Caro e il Capo della Protezione Civile Nazionale Curcio, per fornire la necessaria assistenza tecnica ed amministrativa ai Comuni per la redazione e la consegna delle schede di rilevazione danni alle Autorità regionali, attività propedeutica ed imprescindibile ai fini della dichiarazione dello stato di emergenza da parte del Governo centrale.

Si è appreso che quasi tutti i Comuni hanno nelle ultime ore ottemperato a questo adempimento: si attendono infatti ancora le rilevazioni soltanto di sette o otto Comuni che tuttavia dovrebbero essere consegnate entro la serata di oggi. Il responsabile del Genio Civile Trivia del resto ha informato informato che è suo dovere completare il lavoro istruttorio per la Presidenza della Regione entro domattina.

Il Presidente Ricci, nell’introdurre i lavori, dopo aver reso omaggio al nobile gesto di solidarietà del sindaco di Cesa (CE), che proprio stamani ha raggiunto il Sannio con una squadra di Volontari del suo Comune, ha dato le coordinate della riunione odierna, affermando che i Sindaci costituenti l’Assemblea, cioè uno dei tre Organi della Provincia (gli altri sono il Consiglio oltre allo stesso Presidente) debbono ritenersi mobilitati in permanenza e lavorare in sinergia per consentire al Sannio di riprendersi dopo la terribile mazzata di questi giorni. Come Provincia, ha quindi affermato Ricci, sono stati già ordinati con la somma urgenza noi abbiamo già ordinato i lavori di ripristino della sicurezza sull’alveo del fiume Calore, interventi sulla Campoli-Cautano, sul ponte e sul ruscello Tammarecchia, a San Giorgio la Molara, sul ponte Ufita. Restano, però ha detto Ricci, moltissimi altri interventi da fare in molte altre realtà territoriali in particolare nella Valle del Fortore, in Valle Telesina, nell’Alto Tammaro, nello stesso capoluogo: ha assicurato che si farà di tutto per ovviare alle maggiori necessità con i fondi di Bilancio in attesa di provvidenze statali. Ha chiesto ai Colleghi Sindaci di redigere al più presto le schede sulle spese sostenute per l’emergenza, ma ha avvertito: “le spese non finalizzate a tale scopo non potranno essere rendicontate e non saranno rimborsate. Dunque saranno pagate da chi le ha ordinate, secondo l’espressione usata dal Governatore De Luca”.

Il Presidente Ricci ha confermato quindi che martedì mattina si riunirà la Commissione regionale all’agricoltura presso la Rocca dei Rettori per una valutazione del disastro registrato nelle aree rurali.  

E’ quindi intervenuto il Capo del Genio Civile Traia che ha illustrato brevemente lo stato dell’arte ed ha fornito chiarimenti e delucidazioni sulla modalità di compilazione delle schede per la rilevazione dei danni.

Si è aperto pertanto un dibattito nel corso del quale sono intervenuti i Sindaci di Benevento (Pepe), di Castelfranco in Miscano (Morcone), di Paupisi (Coletta), di Pago Veiano (De Ieso), di Guardia Sanframondi ( Panza), di Vitulano (Scarinzi), di Castelvetere di Valfortore (Iarossi), del vice sindaco di Foiano di Valfortore (Ruggiero). Gli interventi hanno riguardato in particolare gli interventi finalizzati a garantire in via di assoluta urgenza la pubblica incolumità, le opere di immediato ripristino degli acquedotti e delle fogne evitando di incorrere nei “debiti fuori Bilancio”, la tutela delle attività produttive delle migliaia di Aziende in particolare del comparto vitivinicolo colpite dagli eventi alluvionali, la gestione amministrativa dei fondi europei riservata alle le opere pubbliche che però sono state danneggiate dagli eventi calamitosi e così via.  

Ha chiuso i lavori Il Sottosegretario di Stato Umberto Del Basso De Caro il quale ha contestato con durezza le accuse rivolte al Governo centrale e regionale ed allo Stato nel suo complesso circa la reazione all’emergenza e la gestione successiva della crisi. Egli ha poi annunciato che la dichiarazione sullo stato di emergenza si avrà probabilmente il prossimo venerdì 30, anche se non sarà possibile attendersi risorse finanziarie in misura adeguata alle necessità, per le quali si dovrà invece contare sui fondi della prossima Legge di Stabilità e su provvidenze dell’Unione Europea.  

Galleria immagini

 
Sample image  
Sample image

Galleria video

 
alternative test 1
tttt

 

logo youtube